Una pioggia di euro per la bonifica del sito inquinato della Granciara. La giunta regionale ha approvato la delibera per l'avvio dell'intervento atteso ormai da molti anni.

Le operazioni di risanamento ambientale rientrato nel protocollo d'intesa sottoscritto dalla Regione Lazio con il Ministero dell'ambiente per il recupero e la messa in sicurezza dei cosiddetti "siti orfani", cioè quei terreni potenzialmente contaminati per cui non è stato possibile individuare il responsabile dell'inquinamento.

Sulla base delle schede elaborate dalla direzione regionale competente e ritenute ammissibili, il Ministero ha assegnato alla Regione sei milioni di euro per il sito di Granciara a Castelliri. L'amministrazione regionale è il soggetto beneficiario dei fondi e responsabile unico dell'attuazione, mentre il Comune è il soggetto attuatore degli interventi di recupero ambientale.

Il sindaco Fabio Abballe ha subito espresso la sua soddisfazione per la fine imminente di un lungo iter che finalmente ha sistemato anche l'ultimo tassello: quello dei fondi. «Dall'inizio del nostro mandato abbiamo avviato un'azione congiunta con la Regione Lazio per cercare di reperire i finanziamenti necessari per la bonifica del sito. Ci sono gli atti che parlano - sottolinea Abballe - Abbiamo tenuto anche una conferenza di servizi con Regione e Arpa Lazio. Siamo riusciti prima ad ottenere un finanziamento di oltre 120.000 euro per eseguire le indagini geognostiche e procedere con la caratterizzazione del sito, poi, grazie alla Regione Lazio, abbiamo ottenuto i fondi per la definitiva bonifica attraverso il ministero. Mi preme ringraziare per il gran lavoro svolto i tecnici regionali e comunali, l'assessore Valeriani, l'ingegner Furio Befani della Regione Lazio dell'area bonifiche e siti inquinati e soprattutto il consigliere Mauro Buschini che ci ha supportato in ogni passaggio».

Il sindaco si mostra entusiasta per questo importante risultato che spiana definitivamente la strada all'intervento di bonifica dell'area dove sono stati interrati dei rifiuti. «Siamo orgogliosi di questo obiettivo raggiunto, per Castelliri è un grande traguardo, uno dei finanziamenti più grandi mai ottenuti - rimarca Abballe - Abbiamo iniziato dal primo giorno un percorso tecnico amministrativo che ha finalmente portato i suoi frutti».
Il primo cittadino approfitta per togliersi qualche sassolino dalle scarpe: «Questo importante passo è anche una risposta a chi, come nel caso di qualche associazione locale, ha sempre detto che eravamo fermi su questo problema. E a aggiungo che amministrare la cosa pubblica non è come amministrare la propria casa; i finanziamenti non si ottengono con falsi proclami, attraverso i social o i media, ma con percorsi amministrativi e politici lunghi e faticosi, lavorando quotidianamente per trovare le soluzioni.
La notizia di questi ultimi giorni per il sito della Granciara - conclude il sindaco - è la prova di quanto dico».