Buone notizie per il territorio. Arriva l'ok per la bonifica delle aree inquinate, priorità Nocione. La Giunta regionale ha approvato la delibera per l'avvio degli interventi di bonifica dei siti inquinati in località Nocione, nel Comune di Cassino.

Le operazioni di risanamento ambientale rientrato nel protocollo di intesa sottoscritto dalla Regione con il Ministero dell'Ambiente per il recupero e la messa in sicurezza dei "siti orfani", vale a dire quei terreni potenzialmente contaminati per cui non è stato possibile individuare il responsabile dell'inquinamento.

Sulla base delle schede elaborate dalla Direzione regionale competente e ritenute ammissibili, il Ministero ha assegnato alla Regione oltre 8 milioni di euro: in particolare, circa 2 milioni di euro per la bonifica del sito di Nocione a Cassino.

L'amministrazione regionale è il soggetto beneficiario dei fondi e responsabile unico dell'attuazione, mentre i due Comuni della provincia di Frosinone sono i soggetti attuatori degli interventi di recupero ambientale.

"Con queste ulteriori risorse prosegue il programma della Regione per la messa in sicurezza e il risanamento delle aree contaminate: grazie al contributo ministeriale sarà possibile intervenire anche nei siti inquinati in cui non è stato possibile individuare il responsabile oppure non ha provveduto alle attività di bonifica dei terreni come prevede la legge nazionale" dichiara Massimiliano Valeriani, assessore al Ciclo dei Rifiuti della Regione Lazio.