Il sindaco Alfonso Santangeli scrive al prefetto e al Comando provinciale dei carabinieri per l'ondata di furti che sta colpendo vari Comuni della provincia, fra cui Torrice. Un fenomeno preoccupante che ha indotto il primo cittadino ad appellarsi alla sensibilità e competenza del comandante provinciale dei carabinieri.
«Sono seriamente preoccupato per i ripetuti furti e tentativi di furto nelle abitazioni che si stanno verificando in questi periodo sul territorio comunale - si legge nella lettera di Santangeli -. Pur essendo perfettamente consapevole delle sue difficoltà, dovute alla carenza di uomini e mezzi e pur apprezzando il lavoro che stanno svolgendo i militari della stazione territoriale, devo chiederle un ulteriore sforzo affinché, almeno in questo periodo, possa essere rafforzato il pattugliamento notturno nel Comune di Torrice».

Il sindaco si è anche rivolto al prefetto di Frosinone chiedendogli di rafforzare il controllo del territorio attraverso le forze dell'ordine. Sempre per potenziare il controllo e il pattugliamento a Torrice, si è detto disponibile a concedere ai carabinieri la scuola di San Mosè in cui ospitare la nuova caserma dell'Arma.
«In questi giorni prosegue Santangeli ho raccolto le preoccupazioni dei cittadini e mi sono attivato subito per trovare una soluzione con il necessario sostegno delle forze dell'ordine e della prefettura. Come amministrazione apprezziamo e lodiamo il lavoro che svolgono ogni giorno le forze dell'ordine e siamo perfettamente coscienti delle carenze di organico e di risorse con cui devono fare i conti, ma confidiamo nel fatto che il nostro appello non rimanga inascoltato.
Il Comune è pronto a fare la propria parte, tanto che abbiamo messo a disposizione un immobile per agevolare il lavoro dei carabinieri. Restiamo in attesa di riscontri»