La seduta del consiglio comunale di lunedì scorso, come prevedibile, si è aperta con la discussione, fuori dall'ordine del giorno, riguardante la bufera giudiziaria che ha investito i fratelli Mario e David Ciaccia, quest'ultimo presidente dell'Atletico Terme Fiuggi, la squadra di calcio che milita nel campionato di serie D, coinvolti nella truffa dei superbonus. In tal senso dai gruppi di minoranza della Fiuggi Viva e della Fiuggi Civica, per bocca dei rispettivi capigruppo Martina Innocenzi e Fabrizio Martini, è stata avanzata la richiesta di convocazione di una apposita commissione consiliare con lo scopo di comprendere meglio tutti i contorni di questa vicenda. Richiesta alla quale si sono subito associati il sindaco di Fiuggi Alioska Baccarini e l'intera maggioranza.

Una discussione che, oltre alla squadra di calcio, finirà per interessare anche la questione legata all'ipotetico project financing, annunciata e mai formalizzata nei termini di legge dalla stessa società Atletico Terme Fiuggi. Del quale però molto si è discusso sui social nei mesi scorsi, con qualche accusa neanche molto velata nei confronti del sindaco, colpevole a detta di alcuni di aver ostacolato il progetto riguardante il centro sportivo di Capo i Prati. Al riguardo, il sindaco lunedì scorso è stato molto chiaro, ribadendo quanto più volte ribadito: «In questa direzione non esiste e non è mai esistito alcun project financing ha detto Quel poco giunto in Comune è rimasto incardinato negli uffici competenti, per l'assenza dei requisiti di legge obbligatori per una valutazione da parte dell'amministrazione comunale».

Lo stesso sindaco ha confermato invece uno studio di fattibilità avanzato dal Frosinone Calcio, sul quale invece il primo cittadino nei giorni scorsi aveva espresso valutazioni molto positive. La notizia positiva emersa dal consiglio comunale riguarda il via libera della competente commissione regionale in merito al rinnovo delle concessioni minerarie per lo sfruttamento della oligominerale Fiuggi. Il che spiana la strada al bando per la privatizzazione di Atf spa. I restanti punti all'ordine del giorno hanno riguardato l'ordinaria amministrazione.