La Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (Serr) è un'iniziativa di sensibilizzazione per diminuire la quantità di rifiuti prodotti, riutilizzarli e riciclarli, nell'ambito del programma "Life+".

"L'asta del guardaroba: gioca e ricicla" è attesa per venerdì 26 novembre, alle ore 16, nel teatro comunale, e sarà coordinata dal consigliere delegato all'ambiente Lorella Tatangelo. Gli indumenti da bambini, imbustati con in evidenza la taglia, potranno essere scambiati tra i partecipanti, il resto del materiale sarà affidato ad associazioni di volontariato.

"Anche l'amministrazione comunale ha aderito a questa campagna focalizzando l'attenzione sul riuso degli abiti usati -spiega il Comune in una nota - L'idea è nata soprattutto perché al momento il comune è carente del servizio di raccolta di abiti usati, a cui però si sta provvedendo, anche in vista delle novità normative che ci saranno a gennaio 2022, inoltre perché è tempo di considerare alcune tipologie di rifiuti (come gli abiti di seconda mano)non come scarti da smaltire ma come vere e proprie risorse. Il recupero di indumenti permette di risparmiare le risorse necessarie alla produzione di nuovi capi e ridurre l'impatto ambientale dell'industria tessile, tra i settori più inquinanti al mondo.

Abbiamo concentrato l'evento, in particolare, sull'abbigliamento per bambini che è più facilmente riutilizzabile data la vita breve degli indumenti dovuta alla crescita. Nel corso dell'evento ci sarà un momento dedicato allo scambio degli indumenti. Ma si potranno ascoltare anche le testimonianze di alcune persone su come riciclare e riutilizzare tessuti e scarti tessili".