Notte di terrore a Cassino dove nel weekend una sala slot è stata presa di mira da una banda, armata di spranghe, piedi di porco e pistole. All'interno dell'attività, però, c'era ancora un dipendente che è stato minacciato con le armi. I malviventi, 4 o 5, dal volto travisato, si sono fatti consegnare l'incasso (sui 6.000 euro) e dopo la rapina sono fuggiti. Ma gli agenti della polizia di Stato stanno seguendo la pista di più colpi messi a segno nella stessa notte: prima a Ferentino, ai danni di una pompa di benzina, poi a Cassino dove si è consumata la rapina. Utilizzando l'A1 come strada principale. Indagini di Commissariato e Sottosezione serrate.