Attraversamenti pedonali rialzati, interrogazione dei consiglieri comunali "Per Supino" per verificarne la regolarità. Sono dodici quelli finiti sotto la lente dei consiglieri di minoranza Alessandro Foglietta, Cecilia Romiri, Simone Corsi e Luigi Fasanella.

E proprio i consiglieri di opposizione si fanno portavoce di diversi cittadini e chiedono un intervento al primo cittadino del paese lepino. I consiglieri hanno così deciso d'intervenire presentando una interrogazione, indirizzata al sindaco di Supino Gianfranco Barletta, sulla regolarità degli attraversamenti pedonali rialzati.

Nel documento, a firma dei quattro consiglieri di opposizione, si punta il dito contro dodici attraversamenti che «sono privi delle caratteristiche geometriche scrivono i quattro e costruttive richieste dal codice della strada, non visibili di giorno e di notte.

Gli attraversamenti pedonali rialzati sono in uno stato di assoluta precarietà e prive di manutenzione.
Costituiscono un vero e proprio pericolo, un trabocchetto per numerosi automobilisti che ignari della loro esistenza subiscono sinistri stradali e danni alle proprie autovetture».

Nel documento si evidenzia la responsabilità del Comune di Supino che in qualità di ente proprietario della strada è tenuto «a risarcire i danni cagionati per la scarsa attenzione e manutenzione della rete stradale oltre a rispondere alla Corte dei Conti per il danno erariale. Pertanto, prima che un incidente stradale trasformi l'interrogazione presentata in un cattivo presagio, chiediamo l'immediata rimozione del pericolo o, in alternativa, una più idonea e sicura sistemazione dell'attraversamento pedonale rialzato secondo le prescrizioni di legge e il buonsenso».