«Nella settimana che va dal 12 al 18 novembre sono stati registrati nella provincia di Frosinone 521 nuovi positivi e nessun decesso. Se prendiamo in esame lo stesso periodo dello scorso anno osserviamo che i nuovi positivi erano stati 1.677 e 23 i decessi». La direzione strategica della Asl accende i riflettori sul confronto con lo scorso anno. Per mettere in evidenza come la differenza tra la seconda e la quarta ondata la stanno facendo i vaccini.

L'appello della manager
Rileva Pierpaola D'Alessandro, direttore generale della Asl: «Continuiamo quindi a sensibilizzare la popolazione sul ruolo fondamentale che ricopre la vaccinazione che, insieme alle mascherine, al distanziamento e alla disinfezione ci protegge da ricoveri e mortalità». Poi prosegue: «In riferimento alla campagna antinfluenzale segnaliamo che ad oggi sono oltre ottantamila i vaccini somministrati, di cui circa novemila di vaccinazione antipneumococcica. A tal proposito la Asl ringrazia per l'impegno tutti i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta della provincia di Frosinone che stanno vaccinando i loro assistiti per metterli in sicurezza da un virus influenzale più aggressivo degli anni scorsi».

La dottoressa D'Alessandro esprime, inoltre, «un particolare ringraziamento ai rappresentati delle sigle sindacali dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta per il proficuo lavoro che svolgono al tavolo delle relazioni con l'Azienda per un continuo miglioramento dell'assistenza territoriale». Conclude: «Invitiamo quindi i cittadini a proteggere soprattutto anziani e soggetti fragili anche dall'ondata influenzale».

L'andamento
Ieri in Ciociaria si sono registrati 77 nuovi casi: 9 a Sora, 7 a Cassino, 6 a Castelliri, 5 a Ferentino, 5 a Fiuggi, 4 a Boville Ernica, 4 a Cervaro, 4 a Frosinone, 4 ad Isola del Liri. Quindi 3 nei seguenti Comuni: Alatri, Ceccano Veroli. Poi 2 ad Anagni, 2 ad Ausonia, 2 a Serrone. Infine, 1 contagio in ciascuno dei seguenti Comuni: Alvito, Aquino, Arnara, Castro dei Volsci, Ceprano, Morolo, Paliano, Pescosolido, Piglio, San Vittore del Lazio, Sant'Ambrogio sul Garigliano, Supino, Torrice, Vallerotonda. Sono stati effettuati 1.260 tamponi, il che vuol dire un tasso di positività del 6,11%. In aumento. Si sono registrati anche 38 negativizzati, persone che cioè hanno superato la malattia. Per quanto riguarda i pazienti Covid ricoverati presso il reparto di malattie infettive dell'ospedale di Frosinone, sono adesso 25. Uno in più rispetto al giorno precedente. Siamo nella novantesima settimana dall'inizio della pandemia in Ciociaria.

Dal primo caso del due marzo 2020 sono trascorsi 628 giorni. Questo l'andamento: ci sono stati 21 casi il quindici novembre, 74 il sedici, 82 il diciassette, 61 il diciotto, 77 il diciannove. Per un totale di 315 e una media giornaliera di 53. Questo l'andamento dell'ottantanovesima settimana: 27 casi l'otto novembre, 63 il nove e 66 il dieci, 84 l'undici, 88 il dodici, 108 il tredici, 87 il quattordici. Per un totale di 523 e una media giornaliera di 74,71. La settimana numero ottantotto: 19 casi il primo novembre, 8 il due, 41 il tre, 84 il quattro, 49 il cinque, 73 il sei, 68 il sette. Per un totale di 348 e una media giornaliera di 48,85. Nell'ottantasettesima settimana era andata così: 12 casi il venticinque ottobre, 17 il ventisei, 22 il ventisette, 21 il ventotto, 29 il ventinove, 40 il trenta, 37 il trentuno. Per un totale di 178 contagi e una media di 25,42 al giorno.

Continua a oscillare il parametro dell'incidenza di nuovi casi settimanali ogni 100.000 abitanti: è a 106,91. Era 114,04 mercoledì. Martedì 110,69, lunedì 108,38, domenica 109,64. A novembre finora 1.186 casi e una media giornaliera di 62,42.

Il report
Nella settimana dal 12 al 18 novembre in provincia di Frosinone ci sono stati 521 nuovi casi. Una media di 74,42 al giorno. E un'incidenza di nuovi casi settimanali ogni 100.000 abitanti pari a 109,22. Effettuati 9.411 tamponi: 1.344,42 ogni ventiquattro ore. E in questa settimana sono state somministrate 10.557 dosi di vaccino: una media di 1.508 al giorno. Ci sono stati pure 225 guariti. Nessun paziente Covid ricoverato in terapia intensiva. Ormai da cinque mesi. C'è poi il dato del Gimbe sempre per quanto riguarda l'incidenza di nuovi casi settimanali ogni 100.000 abitanti: nella settimana dal 3 al 9 novembre in provincia di Frosinone è stata di 111.

Il bollettino
In Italia ieri 10.544 nuovi casi di Coronavirus: giovedì erano stati 10.638. Sale così a 4.904.441 il numero di persone che hanno contratto il virus dall'inizio dell'epidemia. I decessi sono stati 48 (il giorno prima 69), per un totale di 133.082 vittime da febbraio 2020. Nel Lazio 1.229 casi positivi, 140 in più rispetto al giorno precedente. Il tasso di positività è al 2,7%. I decessi sono stati 7. Nella regione in questo momento ci sono 611 pazienti Covid ricoverati nei reparti ordinari (+5) e 85 nelle terapie intensive (+4). Ci sono stati 709 guariti. Sempre nel Lazio superate le 9 milioni di dosi di vaccino somministrate, con il 94% degli adulti in doppia dose e l'88% degli over 12 anni. Il valore Rt (l'indice di trasmissibilità del virus) è in calo a 1.17 rispetto a 1.3. In aumento l'incidenza di nuovi casi settimanali ogni 100.000 abitanti: 118. Era a 72 la settimana scorsa.

Rileva Alessio D'Amato: «A titolo esemplificativo dieci volte in meno della Baviera». E aggiunge: «Bisogna tenere alta l'attenzione, utilizzare la mascherina ed evitare gli assembramenti». Questo il raffronto con il 19 novembre 2020: -57 decessi, -1.468 casi positivi, -2.492 ricoverati in area medica, -244 ricoverati in terapia intensiva, -58.640 in isolamento domiciliare. Afferma D'Amato: «Grazie ai vaccini evitati circa 2.000 decessi nel Lazio negli ultimi sei mesi. Il 75% di chi oggi è ricoverato in terapia intensiva, o non è vaccinato o non ha completato il percorso di vaccinazione». È attivo il servizio di triage telefonico al numero 800.118.800 rivolto a over 65 anni appena riscontrata la positività «per la valutazione all'arruolamento per somministrazione anticorpi monoclonali».