Alla riscoperta delle radici dell'antico paese. Sabato nell'aula consiliare del comune di Piedimonte San Germano, alle 16.30, verrà presentata la ristampa del libro di Benedetto Sitari "Memorie di un Castello nella terra di San Benedetto". Si tratta di un volume ristampato per proporre ai cittadini pedemontani tracce dell'antico paese, con i protagonisti del passato e gli eventi e le trasformazioni che hanno fatto la storia di questo territorio.

«Credo che l'opera del maestro Sitari sia una pietra miliare per tutti coloro che voglio riscoprire la storia e le radici della nostra città - ha commentato il presidente della Pro loco di Piedimonte San Germano, Alfonso Testa - Una narrazione fluida e dettagliata che ripercorre tutte le epoche e tutti i momenti salienti di crescita ed evoluzione della nostra comunità.

L'insediamento romano, la concessione della Charta Libertatis, il castello conteso tra i Conti d'Aquino e Montecassino, le sue vicissitudini nella lotta tra Federico II e Gregorio IX fino alla storia più recente del secondo conflitto mondiale. Il tutto racchiuso in un'opera piena di documenti, foto e testimonianze d'epo ca». Nel recupero dell'opera ha lavorato anche l'associazione Linea Gustav.

«Un viaggio competente e appassionato nella preistoria e nella storia di Piedimonte i cui fasti, tracciati con amorevole attenzione, riecheggiano pagina dopo pagina - ha spiegato il presidente Damiano Parravano - Di bellezza e altissimo interesse documentale, i racconti e le ricerche inerenti la Seconda Guerra mondiale. Proprio le pagine del maestro Sitari, in questo senso, sono un diario di bordo di quei giorni difficili che hanno segnato indelebilmente la città, fino ai nostri giorni, e la cui memoria, attraverso questa ristampa ci auguriamo possa essere tramandata alle nuove generazioni».