Grande successo per la 25esima edizione del Palio delle Corti. La tre giorni ha richiamato moltissimi visitatori, mentre storia, cultura, tradizioni, arte e divertimento si sono alternati attraverso le drammatizzazione, gli spettacoli danzanti e i falconieri.
Tutto questo, accompagnato da musica medievale e piatti tipici del luogo, rivisitati e realizzati con prodotti a chilometro zero e attenzione ai dettagli degli ingredienti.

Soddisfatta l'assessore alla Cultura Anna Celani, che ha seguito con impegno ogni fase organizzativa, realizzando un evento straordinario e riportando in centro animazione, arte e divertimento. Fantastici gli spettacoli di giocolieri, falconieri, crociati, arcieri, dame e cavalieri, protagonisti dello storico atto di sottomissione di Manfredi di Svevia nei confronti di Papa Innocenzo IV. Quest'anno è apparsa una nuova figura: Dante Alighieri. In occasione dei 700 anni dalla morte, la rievocazione storica ha acceso i riflettori sull'imponente figura del Sommo Poeta.

Interessante il convegno "Manfredi nella Commedia di Dante", svolto il primo giorno; suggestiva l'apertura delle botteghe d'arte lungo le vie storiche e alla torre medievale; partecipata l'attività per i bambini con la mini-caccia al tesoro, il teatro dei burattini e giocolieri, trampolieri e mangiafuoco. Fantastico lo spettacolo degli arcieri che hanno girato per le postazioni collocate in varie parti del paese per le qualifiche della XXV edizione del Palio; originali il banco didattico del cerusico-speziale e il campo dei Templari.

Straordinaria, infine, la rievocazione storica vera, celebrata attraverso il maxi spettacolo di teatro itinerante "Due Mondi", scritto e diretto da Simone Ignagni.