La posizione della procura in merito all'operazione 'Acqua nera' che ha portato al sequestro del depuratore di Villa Santa Lucia. Questo dopo il Riesame che ha rimesso in libertà l'ex presidente Aea, Bianchi, e l'amministratore Orasi. Per i quali resta l'interdittiva per tornare a capo dell'azienda. Il Riesame nei giorni scorsi ha anche disposto la revoca dell'obbligo di dimora per Paesano.

La nota della Procura
Nel prendere atto come sempre delle decisioni del Tribunale del Riesame ed in attesa di leggere le motivazioni del provvedimento, evidenzio che appare confermato in larga parte il quadro indiziario che ha consentito la richiesta e la successiva emissione dei provvedimenti cautelari. Il quadro delineato di grave inquinamento ambientale e stato riscontrato anche successivamente dalle indagini svolte contestualmente e dopo l'esecuzione dei provvedimenti. Per due indagati risulta confermato il quadro indiziario, essendo stati sottoposti contestualmente alla scarcerazione a misure cautelari coercitive (obbligo di dimora) e/o interdittive, presumibilmente giustificate in ragione delle dismissioni rassegnate da uno dei vertici della società.