Offese social all'assessore Danilo Grossi che sui disordini al centro di Roma aveva definito «una situazione ormai scappata di mano». Non sono tardati i commenti, anche negativi. Sui social. Immediata la solidarietà espressa dai capigruppo consiliari Gino Ranaldi, Edilio Terranova, Alessandra Umbaldo.
«Nel suo ruolo politico di coordinatore di Pop, la componente di centrosinistra che fa riferimento alla consigliera regionale Bonafoni, l'assessore alla Cultura del nostro Comune, Danilo Grossi, aveva legittimamente e doverosamente messo in guardia sugli estremismi che si insinuano nelle istituzioni anche nella nostra provincia di Frosinone».

Facendo poi anche riferimento al «caso di Francesco Monorchio, fino a qualche anno fa esponente di primo piano di Forza Nuova, Sora» ora a sostegno di un candidato sindaco.
«Sui social sono subito partiti volgari e rozzi insulti che nulla hanno a che vedere con la civile dialettica democratica. Quali capigruppo dell'amministrazione di centrosinistra di Cassino esprimiamo piena solidarietà all'assessore Danilo Grossi, spirito libero e sincero democratico che, nell'esercizio del suo ruolo, ha espresso una sua legittima opinione indicando un fatto oggettivamente incontestabile».

«L'uso di espressioni volgari che offendono il senso comune, nonché l'uso di certi toni violenti non devono entrare a far parte di comunità civili , dall'alto senso civico, quali sono Sora e Cassino».