Non c'è pace alla Folcara, il maltempo ha evidenziato ulteriormente i problemi legati alla viabilità, alla sicurezza stradale e alle criticità della carreggiata.

Ad alzare i toni è Chiara Trotta, presidente di Gioventù Nazionale di Cassino: «Qualche mese fa con un video avevo evidenziato le problematiche di un tratto di strada di via Folcara in cui le buche erano diventate crateri, chiedendo un pronto intervento da parte dell'amministrazione di Cassino per il rifacimento del manto stradale, richiesta non esaudita. Ad oggi vorrei porre l'attenzione sullo stato attuale della strada in questione. Da più di una settimana, questo tratto è percorso ogni giorno per recarsi a Cassino, Sant'Angelo in Theodice e paesi limitrofi, da autovetture, autobus e mezzi pesanti in quanto è stato deviato il traffico per i lavori Acea - spiega Trotta -

Una settimana prima della deviazione, il Comune, sapendo già in che stato si trovasse la strada, ha pensato solo a "rattoppare'' le buche come siamo abituati spesso a vedere per le strade della nostra periferia e non solo. Dopo le piogge di questi giorni, ovviamente, i crateri si sono riaperti creando danni alla viabilità. Gli automobilisti trovano soluzioni per evitare di squarciare pneumatici, cerchioni o danneggiare le vetture. Per evitare il peggio, Gioventù Nazionale Cassino richiede per l'ennesima volta un tempestivo intervento da parte del Comune per il rifacimento del manto stradale, la situazione è ulteriormente peggiorata».

«Ci spiace vedere con quanta leggerezza non siano stati effettuati lavori di manutenzione stradale prima della deviazione del traffico, nonostante avessimo già denunciato da tempo il problema - prosegue Chiara Trotta - Tra poco la strada sarà impercorribile in quanto, essendo aumentato il traffico è aumentato anche il dissesto stradale. È ora di intervenire. Inoltre, un ulteriore problema che costituisce un pericolo è l'alta velocità con cui alcuni autisti indisciplinati percorrono questa strada permettendosi addirittura il sorpasso di altre vetture in transito, con il rischio elevato di causare qualche incidente con conseguenze ben più gravi.
La sicurezza prima di tutto. Ad aggiungersi a questo quadro ci sono anche i divieti di transito per i mezzi superiori alle 5 tonnellate, quando invece ogni giorno ne transitano anche ben più pesanti».

A sollevare la questione anche il consigliere d'opposizione Franco Evangelista: «Questa strada ha bisogno di interventi, ogni giorno viene percorsa da autobus che trasportano studenti, genitori che vanno e vengono per prendere i figli più tutti gli altri automobilisti che devono raggiungere i paesi limitrofi e camion e furgoni al lavoro».