Danneggiamenti alle automobili parcheggiate in pieno centro. Si tratterebbe delle "ragazzate" del sabato sera.
Bande di adolescenti si a girerebbero per le vie del paese provocando danni alle vetture in sosta e lanciando sassi alle finestre dell'ex "Armando Diaz".
«Un altro sabato sera di degrado in centro - si legge in un post su Facebook - Ragazzini che girano a fare sfregi alle auto in sosta, lanciare sassi contro le finestre della ex Ragioneria, danneggiando qualunque cosa capiti loro a tiro, oltre a insulti e blasfemie varie contro chi prova a richiamarli».

Danni sono stati registrati alle auto in sosta lungo via Bixio, di fronte alla Villa comunale. I cittadini sperano che le telecamere abbiano ripreso i protagonisti degli stupidi gesti di inciviltà, atti assurdi che non trovano giustificazione e che vengono realizzati pare da minori che fino a tarda ora si intrattengono in strada. Si tratta di segnalazioni gravi, che forse dovrebbero seguire iter diversi, per comportamenti che, se rispondessero al vero dovrebbero allarmare e mettere in moto procedure efficaci per frenare un fenomeno preoccupante.
Chiunque ha compiuto "ragazzate" in età adolescenziale, ma quando certi gesti superano i limiti consentiti e colpiscono terze persone danneggiandole, allora bisogna intervenire.

Oggi gli adolescenti vivono tante sollecitazioni, ma anche tante libertà. L'importante è che siano consapevoli dei loro comportamenti e non superino i limiti della civiltà, compiendo danni o mettendo a rischio la sicurezza propria e altrui.

Immaginabile la rabbia di chi lascia tranquillamente l'automobile in sosta e si ritrova la mattina con gli sportelli rigati e la vernice rovinata probabilmente con oggetti a punta. E altrettanto comprensibile è la rabbia di chi cerca di riposare e viene disturbato da urla e schiamazzi. Dal racconto della gente, questi adolescenti non temono nessuno, tanto da rispondere ai rimproveri con linguaggio arrogante e inopportuno.