Proseguendo un'operazione di restyling e riassegnazione dei loculi avviata decenni fa, l'ufficio dei servizi cimiteriali ha individuato nelle scorse settimane ben 361 tombe abbandonate da molti anni e per le quali non ci sono più eredi ad occuparsene. Di questi 361 posti, tutti posizionati nell'ala monumentale e storica del camposanto, i primi 30 sono stati già assegnati a famiglie, titolari di sepolture vicine, che ne hanno fatto esplicita richiesta. Rimangono a disposizione altri 330 spazi che, prossimamente, saranno oggetto di un avviso con il quale si concederà agli interessati di poter acquisire la relativa concessione.

Quest'operazione va di pari passo con i progetti di ampliamento della parte nuova del cimitero, stante anche la carenza di loculi che, nei mesi scorsi, ha creato non poche difficoltà a varie famiglie alatrensi, costrette ad adattarsi a situazioni emergenziali per poter seppellire i propri cari. Da precisare che i resti umani, una volta disseppelliti dalle vecchie tombe, saranno ricomposti nell'ossario secondo le procedure di legge, mentre le lapidi, alcune storiche, saranno depositate in appositi magazzini.