Riparte la refezione scolastica nelle scuole dell'infanzia comunali bovillensi. Da oggi il servizio è tornato attivo tutti i giorni dal lunedì al venerdì e i maggiori costi derivanti dal rispetto delle normative anti Covid non graveranno sulle famiglie ma saranno a carico del Comune. A darne notizia il sindaco Enzo Perciballi e l'assessore all'istruzione Anna Maria Fratarcangeli: "Abbiamo deciso di ripristinare il servizio per venire incontro alle esigenze organizzative delle famiglie in cui, sempre più spesso, a lavorare sono moglie e marito", spiegano gli amministratori in una nota.

"Sono contenta - dice l'assessore Fratarcangeli - perché registriamo una situazione migliore rispetto all'anno scorso, quando a risentire maggiormente dell'emergenza furono proprio i bambini. Ora abbiamo creato le condizioni perché il servizio possa essere svolto nella massima serenità". Un servizio, dunque, che riprende grazie a un'azione sinergica dell'amministrazione con l'impegno congiunto di tutti, ciascuno per le proprie competenze.

Ecco perché l'assessore Fratarcangeli ringrazia anche il vicesindaco Benvenuto Fabrizi per "la collaborazione negli interventi sui locali e sulle attrezzature". Il sindaco Perciballi spiega: "La riattivazione della refezione scolastica quest'anno implica maggiori costi dovuti all'applicazione delle norme anti Covid-19. In linea con il principio che ha sempre ispirato quest'amministrazione, i maggiori oneri non ricadranno sulle tasche delle famiglie ma verranno sostenuti dal Comune".