Approvato il regolamento per l'acquisizione al patrimonio comunale degli immobili abbandonati nel centro storico. Il problema annoso delle costruzioni disabitate e nel degrado non riguarda soltanto Pofi ma tanti altri Comuni, e l'Amministrazione Ciccone ha deciso di affrontarlo per restituire decoro al cuore del paese, eliminando anche le situazioni di pericolo.

«Il nostro centro storico presenta un'alta concentrazione di immobili abbandonati - spiega il sindaco Tommaso Ciccone - gli eredi proprietari sono tantissimi, a volte residenti all'estero, non facilmente rintracciabili e comunque non interessati a recuperare e valorizzare gli edifici di proprietà. Pertanto, le costruzioni vengono abbandonate compromettendo il decoro del paese e creando in alcuni casi anche situazioni di pericolo. Per mettere fine a questo problema, abbiamo elaborato un regolamento per l'acquisizione al patrimonio comunale degli immobili abbandonati, approvato nel corso dell'ultimo Consiglio comunale.

Rintracciare i proprietari degli immobili in alcuni casi è difficile e qualunque procedura si voglia attivare diventa complicato portarla a buon fine e in tempi adeguati. Inoltre, quando si riesce a rintracciarli, è anche difficile e lunga la corrispondenza. In alcuni casi, su un immobile ci sono fino a cento eredi per cui si creano conflittualità e problemi procedurali complessi. Con il nuovo regolamento, abbiamo cercato di superare queste difficoltà prevedendo una serie di passaggi per acquisire ai beni del Comune gli immobili, i relitti stradali o le aree agricole abbandonati.

Il regolamento ci mette in condizione di venire in possesso, in un tempo ragionevole, degli immobili o delle aree per valutarne il successivo recupero e l'eventuale ridestinazione, attrezzando così orti sociali, cedendo gli edifici per finalità non lucrative, destinandoli a edilizia popolare, oppure mettendoli in vendita a prezzo calmierato o simbolico. Così - conclude il sindaco - possiamo restituire decoro al centro storico, eliminando i pericoli».