Restano stabili i contagi al Covid in provincia di Frosinone. E i ricoverati diminuiscono di un'unità. Il tasso di positività sale al 4,02%, mentre l'incidenza per 100.00 abitanti è al 25,58.
La giornata
Sono 11 i nuovi positivi censiti in provincia di Frosinone. E sono di undici città diverse. Nessuna infatti conta più di un caso. Si tratta di Alvito, Anagni, Cassino, Ceprano, Ferentino, Fumone, Morolo, Paliano, Pontecorvo, Roccasecca e Serrone.

Rispetto a lunedì scorso la settimana si apre con cinque contagiati in più: 11 contro 6. Tuttavia, quella appena conclusa è stata la seconda consecutiva con un trend in diminuzione. Dal 23 al 29 agosto i casi sono stati 208 a una media di 29,71, quindi a cavallo tra fine agosto e inizio settembre sono stati 145 a 20,71 e nell'ultima settimana 117 a 16,71. Il calo è stato prima del 30,28% e poi del 23,93%. Dal periodo 23-29 agosto a quello 6-12 settembre la contrazione è del 43,75%.
A settembre i casi sono 246 a 18,92 di media. Dunque, un dato più vicino a luglio (12,38) che ad agosto (31,67). Finisse così sarebbe il terzo miglior mese da ottobre 2020 a questa parte.

Da inizio mese Frosinone conta 32 positivi, Cassino 28, Anagni 19, Veroli 15, Roccasecca 10, Alatri 9, Ceccano e Pontecorvo 8, Casalvieri, Sant'Elia Fiumerapido 7 e Ferentino 6.
Nelle ultime quattro settimane, Frosinone è passata da 18 a 11 casi e poi da 20 a 12, Cassino da 21 a 31 e poi da 23 a 8, Alatri da 9 a 15 e poi da 8 a 1, Sora da 12 a 14 e da 3 a 2, Anagni da 10 a 7 e da 13 a 8, Ferentino da 10 a 8 e da 3 a 3, Ceccano da 10 e da 4 a 5 e Veroli da 2 a 3 e poi da 7 a 9.

La campagna vaccinale
Prosegue a buon ritmo la campagna vaccinale della Asl di Frosinone. Grande accelerata in vista della ripartenza della scuola e per il green pass è stata data dalle fasce giovanili. E dunque, a livello totale si è raggiunta una copertura vaccinale dell'80% di cui 66,8% con doppia dose e 13,2% con una sola dose. Nelle varie fasce i ragazzi dai 12 ai 15 anni sono al 53,2% con una dose e al 34,2% con doppia dose, dai 16 ai 19 anni con una dose sono al 14,1% e la doppia dose al 64%, tra i ventenni hanno fatto una dose il 15,7% e due dosi il 56,8%, i trentenni sono al 14,3% con una dose e al 56,6% con entrambe, i quarantenni hanno fatto una dose nel 15,1% dei casi e sono immunizzati nel 62,9%, nella fascia 50-59 anni una sola dose l'ha fatta il 15,2% mentre la doppia il 65,6%, i sessantenni sono all'8,2% con una dose e al 76,5% con doppia dose, tra i settantenni si è immunizzato l'83,2% mentre il 4,3% dovrà fare la seconda dose, infine tra gli over 80 ha una sole dose il 2,7% e la doppia l'83,7%.

I guariti
Sono 35 i guariti. Per il terzo giorno consecutivo sono 30 o più. La settimana passata si è chiusa con 200 contro i 253 del giorno prima.
Intanto, scendono di un'unità i ricoverati che passano da 21 a 20. Dopo tre giorni invariati si registra una contrazione. Rispetto a lunedì scorso, però, l'incremento resta (da 11 a 20).
A livello nazionale, secondo l'ultimo monitoraggio dell'Iss, l'età mediana delle diagnosi è risalita a 37 anni nell'ultima settimana, è scesa a 59 al ricovero. L'età mediana tra chi entra in terapia intensiva è di 63 anni, mentre quella del decesso a 77.