Nella serata di ieri, personale della Questura, impiegato nei servizi di controllo del territorio finalizzati all'attuazione delle misure volte a fronteggiare l'emergenza epidemiologica da covid-19, è venuto a conoscenza dell'organizzazione di una festa, che si sarebbe svolta presso un locale del Capoluogo, in una zona decentrata. Con il supporto degli agenti della Divisione di Polizia Amministrativa, Sociale e dell'Immigrazione e degli specialisti della Scientifica è stata accertata la veridicità della notizia. Presso il locale, infatti, erano presenti circa 500 persone, anche minorenni, tutte intente in attività di ballo e di consumazione di bevande.

I poliziotti, pertanto, hanno invitato i responsabili del locale ad interrompere la festa e a far defluire i presenti.
Inoltre è stato anche richiesto l'intervento del 118 per una ragazza minorenne, riversa su uno dei divani, priva di sensi. Trasportata in Ospedale, i sanitari ne hanno accertato lo stato di coma etilico. La giovane ragazzina fortunatamente, grazie alle cure, si è ripresa senza gravi conseguenze. Al titolare dell'attività è stato notificato il provvedimento di chiusura dell'attività, atto eseguito contestualmente dagli agenti della Polizia di Stato.