Convegno sulla ludopatia, dal titolo "Non lasciare che il gioco si prenda gioco di te" domani alle 18 nel palazzo Moretti a Patrica. «Un tema sociale molto importante - dichiara la consigliera Ilaria Perini - che però, spesso, gioca un ruolo secondario, quello della ludopatia, la cosiddetta dipendenza da gioco che distrugge singoli e famiglie. Il fenomeno, aumentato durante la pandemia, è in continua crescita, soprattutto tra i giovani, anche sul web. Per divertimento, per provare un'emozione o per guadagnare qualcosa, giocare diventa una necessità a cui non si può resistere, una priorità che ha gravissime ripercussioni sulla vita sociale e lavorativa dell'individuo. Un'emergenza sociale che affronteremo con diversi professionisti e Tiberio Patrizi, presidente dell'associazione No Game, testimone diretto e vittima di ludopatia, il quale ci racconterà il suo percorso di rinascita con lo scopo di dimostrare che, da questo tunnel, si può uscire».

Relatori Luigi Vacana vicepresidente dell'amministrazione provinciale, la consigliera Perini, Patrizi dell'associazione No Game e la dottoressa Manuela Bianchi, psicologa e psicoterapeuta. Modera l'evento Emilio Orlando, giornalista e scrittore.