Il presidente della Camera di Commercio di Frosinonee Latina, Giovanni Acampora, ha partecipato alla decima edizione della Fiera Mondiale Campionaria del Peperoncino in scena a Rieti dal 1° al 5 settembre.
In questo particolare contesto storico, l'evento ha rappresentato un concreto segnale di ripresa per l'intero territorio.

Proprio per questo, tra le novità dell'edizione 2021 è stato proposto uno spazio di confronto e approfondimento dedicato ai grandi temi di politica ed economia al quale hanno preso parte personaggi di primo piano a livello nazionale. Tra questi, anche il presidente della Camera di Commercio del Basso Lazio.

Per la chiusura della kermesse, domenica 5 settembre, infatti, il presidente Acampora è intervenuto nell'ambito del convegno "Brand e filiere per i territori". Presenti al tavolo dei lavori anche il Presidente CCIAA di Roma e Unioncamere Lazio, Lorenzo Tagliavanti; il presidente dell'Ente Bilaterale Nazionale del Turismo, Alessandro Massimo Nucara, il Consigliere Delegato CCIAA di Rieti e Viterbo, Leonardo Tosti e il Presidente Provinciale Coldiretti Rieti, Alan Risolo.

«Sono onorato di aver preso parte ad un evento di rilevanza internazionale in rappresentanza delle nostre province – ha commentato Acampora a margine della kermesse – Le eccellenze locali possono essere il volano per rilanciare l'economia dei nostri territori ed è per questo che bisogna lavorare in questa direzione.
E' forte l'esigenza di creare un saldo legame tra la qualità del prodotto e il valore del territorio, mantenendo sempre al centro del processo l'autenticità, dalla scelta delle materie prime fino ai canali di distribuzione.
Non serve creare marchi se non si fa percepire al consumatore che sta acquistando un prodotto espressione di una sintesi unica fatta di storia, ambiente, clima, cultura, tradizioni e qualità».

«In particolare – ha poi aggiunto Acampora - se si ragiona in un'ottica di area vasta, di identità dei territori e di attrattività, è necessario puntare sulla valorizzazione complessiva dei territori stessi, in un gioco di squadra fatto di sinergie fra istituzioni e soggetti privati. L'intero territorio regionale vanta ricche tradizioni agricole e alimentari intrecciate a condizioni ambientali favorevoli ed ad una varietà storico-culturale, aspetti che impongono di valorizzare queste peculiarità per conquistare e conservare quote di mercato».

Poi il presidente il presidente della Camera di Commercio del Basso Lazio ha tracciato la rotta: «In tale prospettiva –ha spiegato - occorre, dunque, assicurare l'impegno di tutti i soggetti della governance territoriale per allineare le strategie, creare opportunità di cooperazione a vari livelli, individuare specifiche politiche di sviluppo lontane dalle logiche burocratiche per poter salvaguardare l'economia dei nostri territori.
La definizione di una politica di qualità per le produzioni tipiche è ormai un pilastro della politica agraria e dello sviluppo locale. Eventi e appuntamenti internazionali come questo, che vedono la partecipazione di imprese dei territori, la valorizzazione delle eccellenze locali e la collaborazione tra pubblico e privato – ha concluso Acampora - sono la prova che i brand e le filiere possono concretamente contribuire al rilancio economico non solo dei nostri territori ma di tutto il Paese».