«Nel Lazio abbiamo conseguito già importanti risultati sulla vaccinazione del personale scolastico e dei ragazzi e invitiamo chi non si sia ancora vaccinato a farlo rivolgendosi alle decine di hub regionali, ai medici di famiglia e ai pediatri che hanno aderito alla campagna.

In tema supplenze va dato atto all'Ufficio Scolastico del Lazio di lavorare speditamente per la programmazione delle supplenze e di aver predisposto nei prossimi giorni e comunque prima del 13 settembre l'assegnazione delle cattedre al momento vacanti; un elemento chiave per garantire da subito un fattivo inizio delle lezioni e della didattica.

Per quanto riguarda le risorse economiche, quelle messe a disposizione dal Ministero dell'Istruzione crediamo siano molti significative: 32,5 milioni di euro per implementare forniture e servizi utile alla protezione dei ragazzi e del personale scolastico. Altri, 49.8 milioni di euro saranno trasferiti a.lle Istituzioni scolastiche per favorire e migliorare i processi di apprendimento. Sempre su base regionale, ulteriori 74 milioni potranno essere utilizzati dagli enti proprietari, scuole, comuni e province per interventi di adeguamento strutturale e riorganizzazione degli spazi.

Inoltre, crediamo sia molto importante l' applicazioni integrale del protocollo sulla sicurezza definito a livello nazionale tra Ministero dell'Istruzione e organizzazioni sindacali. Come Regione continuiamo a lavorare, nel rispetto del nostro ruolo, per dare soluzione a tutte le criticità che potranno emergere. Nei prossimi giorni parteciperemo a tutti gli incontri programmati e utili alla riapertura». Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio che prosegue: «Tra le tante azioni messe in campo, 5 sono fondamentali: il ruolo delle prefetture, le vaccinazioni, le supplenze, le risorse economiche e la sicurezza.

Questi elementi crediamo che possano rappresentare le basi per un positivo riavvio delle attività e della didattica in presenza, alla quale, come Regione, abbiamo sempre dato priorità».