«Per le attività in presenza e per l'accesso alle strutture di ateneo biblioteche, aule studio, laboratori gli studenti dovranno possedere ed esibire il Green pass, come previsto dal d.l. 111/2021. La certificazione verde Covid-19 attesta o lo stato di avvenuta vaccinazione o la guarigione dall'infezione o l'effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo (valido per 48h). L'obbligo di Green Pass non si applica alle persone che, con certificazione medica, risultano esentate dalla campagna vaccinale».

Lo rende noto l'Università degli Studi di Cassino nel giorno in cui, mercoledì 1° settembre, sono riprese le attività didattiche in ateneo con i test d'ingresso del corso di laurea in Lingue.

Come si farà lezione
«Le lezioni - spiegano dal rettorato dell'Unicas - ripartiranno, indicativamente, dall'ultima settimana di settembre e si terranno in modalità blended: prevalentemente in presenza ma con la possibilità di seguirle tramite la piattaforma Google Meet. Per partecipare alle lezioni in presenza, è opportuno rispettare le seguenti regole: bisognerà prenotare il proprio posto tramite il portale Gomp (capienza aule ridotta al 50%); rispettare il distanziamento sociale e sedersi solo nei posti indicati; avere sempre prenotazione e Green Pass a portata di mano per controlli a campione; indossare sempre i dispositivi di sicurezza; saranno inoltre previste sanzioni per coloro che, al momento dei controlli, saranno trovati sprovvisti di certificazione verde o prenotazione».

Le prove d'esame
«Gli esami della sessione di settembre si svolgeranno in presenza (previa presentazione della certificazione verde e nel rispetto di tutte le normative sanitarie).
Naturalmente, le studentesse e gli studenti in quarantena, isolamento fiduciario o con patologie immunodepressive, potranno richiedere, sulla base di motivare esigenze, di svolgere gli esami online.
Tali richieste verranno valutate dai dipartimenti.
Infine, l'ateneo di Cassino, il rettore e l'Asl di Frosinone, stanno lavorando per programmare un open-day vaccinale nell'Ateneo per far sì che tutti gli studenti che non hanno avuto ancora modo di vaccinarsi, possano farlo e garantire tamponi a prezzi agevolati.

«Per gli studenti internazionali in arrivo - comunicano i rappresentanti di "Primavera Studentesca" - siamo in attesa di maggiori informazioni. Il green pass, una volta inserito sul Gomp, resterà in memoria per le volte successive».

I test d'ingresso
I test d'ingresso partiti mercoledì per i corsi di laurea dell'Unicas proseguiranno per tutto il mese di settembre: questi test sono obbligatori ma non vincolanti. In caso di esito negativo non pregiudicano l'iscrizione. A numero chiuso è invece il test di Scienze Motorie, sono 173 i posti a disposizione per la triennale: il test si terrà il 25 settembre ore 11. Poi, il 23 ottobre ci sarà il concorso di ammissione per la Magistrale LM-67: in questo caso sono 71 i posti a disposizione. Sempre a settembre, in ateneo, ci saranno poi le i testa del bando TFA Sostegno del VI ciclo.

Prove di medicina
Oggi, invece, al Campus Folcara si sono ritrovati in 475 per il test d'ingresso di medicina. È il secondo anno che l'Unicas ospita l'evento: quest'anno il numero è ridotto, nel 2020 risultarono essere 562 i partecipanti a Cassino. Gli aspiranti medici hanno sostenuto, in contemporanea nazionale, la prova di ammissione al corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia e in odontoiatria e protesi dentaria.