Spaccano il finestrino di un'automobile parcheggiata all'ingresso del cimitero e rubano la borsa che la proprietaria aveva lasciato sotto il sedile. Amara la sorpresa per una donna che si era recata a rendere l'estremo saluto a una persona deceduta e si è ritrovata con il danno alla macchina, oltre alla borsa rubata. L'episodio si è verificato qualche giorno fa. Nella borsa la donna aveva soldi, documenti, un apparecchio acustico e alcuni piccoli oggetti appartenuti alla figlia deceduta, custoditi con profondo affetto. Probabilmente, i malintenzionati sorvegliavano il parcheggio, e dopo avere puntato la vittima hanno agito velocemente. Ma potrebbero essere stati ripresi dalle telecamere di controllo sistemate nella zona.

Dopo la denuncia della derubata, molto probabilmente gli investigatori procederanno con l'esame delle registrazioni. Ieri la notizia è stata pubblicata sui social da una figlia della donna, che ha voluto condividere l'amarezza di fronte al gesto compiuto in un luogo dove il rispetto e la comprensione dovrebbero animare anche i meno sensibili. Grande la solidarietà manifestata alla famiglia. Purtroppo, i malviventi senza scrupoli non risparmiano neppure i luoghi sacri, tantomeno gli effetti personali di scarso valore, ma preziosi per chi li conserva.

Sull'episodio è intervenuto anche il consigliere Marco Colucci che ha dichiarato: «Purtroppo non è il primo furto compiuto nel cimitero. Arredi funerari e oggetti deposti sulle tombe sono stati rubati spesso in passato.
Invito quindi l'Amministrazione a potenziare il sistema di videosorveglianza per individuare i responsabili, che devono rispondere dei loro gravi gesti»