Sembra non esserci fine al peggio, sono giorni che l'area del Nocione viene presa di mira da ignoti che danno alle fiamme i cumuli di rifiuti o le sterpaglie che si trovano a ridosso dei materiali. Una situazione particolarmente critica sotto la lente degli ambientalisti da tempo ormai.

Edoardo Grossi dell'Ansmi è sempre in prima fila nel monitoraggio dell'area e di molte altre: «Sono anni che i rifiuti sanitari vanno a fuoco in località Nocione. Decine e decine di interventi dei vigili del fuoco e dei Carabinieri Forestali, per scongiurare un danno assai più grave alla salute pubblica. Mentre la politica che dovrebbe agire, per mettere in sicurezza il sito, è indifferente. La politica ignora i pericoli sanitari per la popolazione. Si va verso la denuncia per attentato alla salute pubblica».

Una vera ferita per la comunità a livello ambientale e di salute. «A fuoco dalla scorsa notte i rifiuti sanitari di Nocione, pesa l'indifferenza di molti spiega Grossi Solo una segnalazione delle 12.50 di ieri, di una persona sensibile, ha fatto scattare l'allarme. In pochi minuti i vigili del fuoco, muniti di maschere antigas, hanno spento il rogo pericolosissimo. Gli appelli, le denunce, cadute nel vuoto». Tanta l'amarezza e la preoccupazione. I cittadini e gli ambientalisti chiedono più attenzione e interventi repentini. Ci sono altri cumuli e l'allerta resta alta.