Oggi alle 12 comparirà davanti al giudice del tribunale di Frosinone e potrà chiarire la sua posizione. Dovrà difendersi dall'accusa di stalking M. A., sessantenne di Frosinone, e soprattutto dalle accuse rivolte dall'ex compagna con cui tempo fa si è interrotta la relazione.
Il frusinate mercoledì pomeriggio è stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Velletri ed eseguita dagli agenti della squadra mobile della questura di Frosinone. Per lui sono stati disposti i domiciliari.

La ricostruzione
Stando a quanto riferito agli investigatori dalla donna, il frusinate non avrebbe preso bene la fine della loro storia d'amore. E così è iniziato l'incubo per lei. I messaggi e le telefonate iniziali, sono diventati sempre più insistenti e frequenti, tanto da renderle la vita impossibile e incuterle timore. Non solo messaggi ma anche lettere. Spaventata dal comportamento del suo ex, la giovane ha chiesto aiuto e si è rivolta alle forze dell'ordine.

Proprio nel tardo pomeriggio di mercoledì l'arresto del frusinate con l'accusa di stalking. Provvedimento, come detto, emesso dal tribunale di Velletri, ed eseguito dalla polizia di Frosinone. L'uomo è difeso dall'avvocato Riccardo Masecchia. Fissato, dunque, l'interrogatorio che si terrà per rogatoria questa mattina nel tribunale di Frosinone. Interrogatorio durante il quale il sessantenne potrà chiarire la sua posizione e difendersi dall'accusa di stalking da parte della sua ex compagna.