I Carabinieri dei NAS, d'intesa con il Ministero della Salute, hanno condotto su tutto il
territorio nazionale una campagna di controlli presso villaggi turistici, campeggi, agriturismi
e similari strutture tradizionalmente vocate alla ricettività vacanziera.
Nell'occasione sono stati oggetto di verifica anche i relativi esercizi di somministrazione di
alimenti e bevande nonché i servizi forniti a favore degli utenti, come le camere, le piscine e
le aree ricreative.

Nella provincia di Latina sono stati controllati n. 16 agriturismi, campeggi e villaggi turistici. Dei quali sono risultati non conformi n. 7 attività per violazioni alle norme di carattere igienico-sanitarie e strutturali. Le irregolarità hanno interessato i comuni di Terracina, di Gaeta, di Sabaudia e Latina.

Nella provincia di Frosinone sono stati controllati n. 4 agriturismi. Nel complesso, nel comune di Anagni è stata deferita una persona all'autorità giudiziaria ritenuta responsabile di mancato aggiornamento del documento valutazione dei rischi relativo alla sicurezza su luoghi di lavoro in riferimento allo specifico rischio biologico del covid 19 mentre nel comune di Piedimonte San Germano è stata contestata una violazione alle norme di carattere igienico-sanitarie e strutturali.