Al lavoro senza sosta gli uomini della Compagnia dei carabinieri di Cassino agli ordini del capitano Giuseppe Scolaro. Intensificati i servizi di controllo, particolare attenzione è stata rivolta ai luoghi della movida maggiormente frequentati dai giovani, al fine di reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti e l'abuso di bevande alcoliche.

Ad Acquafondata un ventunenne di Cassino è stato sanzionato, neopatentato aveva un tasso alcolemico di quasi 0,5 g/l. Una sanzione amministrativa è stata elevata anche nei confronti del titolare di un esercizio pubblico del luogo che, in orario notturno vietato da specifica ordinanza sindacale, continuava la somministrazione di bevande alcoliche agli avventori.

Doppia truffa on line, una a Piedimonte San Germano dove i carabinieri hanno denunciato un ventitreenne residente a Napoli. Il giovane ad aprile, in un'inserzione sul web, si spacciava per un agente di una nota compagnia di assicurazione e dopo trattative telefoniche e messaggistiche, è riuscito a farsi versare oltre 200 euro sulla propria postepay da un cinquantottenne cassinate, in cambio dell'emissione della copertura assicurativa di un motociclo, rivelatasi falsa.

A Sant'Elia invece denunciato un ventenne campano e una quarantasettenne filippina per "truffa in concorso".
La coppia a giugno ha ottenuto un versamento di un trentunenne cassinate di 310 euro sulla postepay intestata al campano per l'acquisto di una macchina pressatrice per multistrato, che la coppia aveva pubblicizzato on line. Ma la merce non è mai arrivata.
Dalle indagini è emerso che i contatti telefonici della vendita erano avvenuti sul contatto telefonico della donna.