Discariche abusive, differenziata ai minimi termini e controlli inadeguati; ci sono piccoli distinguo, ma nel complesso non c'è da essere soddisfatti.

Mentre continua la polemica sull'isola ecologica che, presente sui documenti ufficiali dell'ente, non sembra essere stata ancora progettata, il territorio appare sempre più lasciato a sé stesso, con cumuli di rifiuti presenti dappertutto e mini discariche che contengono di tutto.

Gli sporadici episodi delle gli sporcaccioni identificati grazie alle fotocamere/trappola o a seguito del rinvenimento di documenti trovati tra la spazzatura, non sono assolutamente sufficienti ad intimorire gli incivili.
E lo stesso centro storico che ci si affanna a definire come un'isola felice, è ricco di esempi non gratificanti.
Ieri mattina nei pressi di Porta Cerere, all'inizio di via Vittorio Emanuele che attraversa il centro cittadino una serie di grossi bustoni neri giaceva in piena vista.

Gli operatori ecologici, impegnati nella raccolta differenziata che non sembra raggiungere livelli di eccellenza, segnalano quotidianamente episodi avvilenti, ma pare che dal Palazzo non si intenda organizzare o coordinare azioni di contrasto e repressione.

Rispetto alla differenziata, che i dati ufficiali attesterebbero intorno ad oltre il 60%, pare che il risultato sia viziato dalla mancata consegna dei carichi di fine mese, e che in molte zone appaia palese la ineducazione o scarsa collaborazione degli utenti.
Farebbe eccezione la zona compresa tra Via Bassano e località Corona, con propaggini fino a Via del Pascione.
In quelle vie, a sentire Augusto Pesoli veterano del servizio di igiene pubblica e mascotte delle signore che lo salutano ogni giorno con affetto, la differenziata sarebbe effettuata con cura e dedizioni particolari, in maniera assolutamente più efficiente che altrove.

Confida Augusto Pesoli, papà del campione di serie A Emanuele. «Danilo Tuffi, consigliere delegato, cerca di darsi da fare spiega ma i controlli sono troppo scarsi al contrario del numero di maleducati, addirittura esagerato per una città che meriterebbe ed avrebbe bisogno di cura e pulizia».