Le Quattro strade di Casamari: un incrocio da tempo noto per pericolosità e criticità. Congiunzione tra la Via Maria, Via San Cristoforo, per arrivare nel centro abitato di Casamari, è un tratto ad alta percorrenza con indici di velocità affatto limitati. Tra svincoli e immissioni, il crocevia è un passaggio focale per la viabilità della contrada e non solo. Il punto infatti favorisce la percorrenza verso centri abitati, luoghi di interesse come la storica Abbazia nonché l'arrivo a cittadine confinanti. A questo si somma la prossimità allo svincolo della superstrada, dunque ad un traffico più denso e costante.

Al vaglio degli organi di competenza, c'è un progetto studiato ad hoc per rivedere l'assetto viario generale tramite la realizzazione di una rotatoria per ottimizzare la percorribilità e la sicurezza. Quello che però invocano i residenti è la necessità di trovare una soluzione tempestiva, seppur palliativa, per tutelare residenti, pedoni e automobilisti.

A perorare la causa presso l'ente comunale, il consigliere comunale in chiave Lega Gianclaudio Diamanti. «Negli anni abbiamo assistito a fin troppi incidenti, spesso di grave portata, l'ultimo non più tardi di qualche settimana fa. Pur comprendendo la validità del progetto definitivo che dovrà essere realizzato, è importante pensare sin da subito a qualche strumento di facile installazione. In accordo con i residenti, abbiamo proceduto ad una raccolta firme debitamente protocollata in comune all'attenzione del sindaco.

Nello specifico, l'attenzione è da rivolgere proprio a Via San Cristoforo dove si trova una piccola chiesetta. Proprio nel rispetto del luogo di culto e a tutela di chi lo raggiunge, è stata chiesta la possibilità di installare dissuasori ottici e acustici. Aggiungere a questo strumento, la possibilità di potenziare i controlli della Polizia locale anche con modalità in remoto o con misuratori della velocità. Inoltre, chiediamo anche di valutare l'opzione di un colloquio con la Provincia la cui pertinenza insiste sulla strada».