L'abbazia di Montecassino continua a stupire. E lo fa grazie ai tesori che sono custoditi al suo interno e che si sono salvati dalle varie distruzioni.
In anteprima mondiale, negli spazi del museo abbaziale verrà eccezionalmente esposto il "Codice della Divina Commedia" (cod. 512) risalente al XIV secolo e gelosamente custodito nella biblioteca di Montecassino.
Un evento unico dove per la prima volta in assoluto saranno rese accessibili anche altre antiche e preziose edizioni delle opere del Sommo Poeta mai esposte al pubblico.

La mostra, organizzata in occasione del VII Centenario della morte di Dante Alighieri, sarà inaugurata dall'archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa Sua eccellenza reverendissima il Cardinale José Tolentino de Mendonça.
La mostra-evento, denominato appunto, "Montecassino e Dante" si svolgerà dall'11 settembre al 31 dicembre 2021.
Un'altra occasione unica e rara che solo l'antico cenobio, fondato da San Benedetto da Norcia, può offrire tra le sue mura monumentali.
Una biblioteca e un archivio, quelli presenti a Montecassino, che custodiscono "tesori" culturali di enormi proporzioni.

In quella "culla" antica che la cultura ha contribuito a salvarla grazie all'opera paziente, fedele e minuziosa degli amanuensi.
La riproduzione di manoscritti, all'interno dello "scriptorium" ha portato a far conoscere all'umanità le opere antiche che altrimenti sarebbero andate perse.
E ora, proprio in un luogo simbolo, come il monte sacro, si potrà assistere a questa anteprima mondiale.