Uno "sconto" sulla tassa dei rifiuti per aiutare le attività e le imprese del territorio nella ripartenza dopo la frenata causata dal Covid. L'Amministrazione Comunale di Cervaro a fronte del perdurare dell'emergenza sanitaria ha ottenuto, nel rispetto della previsione dei fondi istituiti dal Ministero Interno, l'assegnazione di contributi per la riduzione della Tari in favore delle "Utenze non domestiche".

L'obiettivo è quello di attenuare l'impatto finanziario sulle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie e dalle restrizioni nell'esercizio delle rispettive attività. A tale scopo l'assessore al Bilancio Flaviana Provenza ha avanzato l'ipotesi di concedere riduzioni della Tari in misura superiore alle risorse assegnate, a valere su risorse comunali, nella misura del 40%. Proposta condivisa dal gruppo di maggioranza e ratificata all'unanimità in Consiglio.

Ora, gli uffici comunali possono determinare le modalità per la presentazione della comunicazione di accesso alla riduzione da parte delle attività economiche beneficiarie.

«Ancora una volta l'amministrazione comunale – commenta il sindaco Ennio Marrocco - si è dimostrata vicina alle esigenze dei commercianti e delle attività imprenditoriali, attraverso l'introduzione di una riduzione tariffaria per l'annualità 2021 per le categorie di utenze non domestiche che a causa della situazione emergenziale sono state costrette a sospendere la loro attività. Dunque, un sostegno concreto alla ripresa delle attività sotto forma di "sconto" sulla tassa dei rifiuti che costituisce un passaggio fondamentale della ripartenza, e della disponibilità a portare avanti il nostro contributo fattivo».