Il contagio ha ripreso la sua corsa, ma anche la campagna vaccinale va spedita per raggiungere l'immunità di gregge. Per il secondo giorno consecutivo, il terzo degli ultimi quattro, i contagi si posizionano sulla ventina, ieri 25 e venerdì 20. Si ritorna ai livelli di metà-fine maggio. Era dal 19 al 22 maggio che in quattro bollettini di fila non si contavano oltre 15 casi giornalieri, mentre era dal 21 e 22 maggio che non si avevano due giorni consecutivi sulla ventina.

Ciò comporta un innalzamento degli indicatori epidemiologici: l'incidenza ogni 100.000 abitanti per sette giorni è salita a 22,22 secondo girono di fila oltre i 20 dopo il 20,34 di venerdì. Ciò non accadeva dai primi di giugno: il 1° l'incidenza era a 23,27 e il 2 a 21,59. Da lì in poi non avrebbe toccato più i 20 e anzi si sarebbe attestata fino a un minimo di 3,77, per quattro volte nel periodo 5-11 luglio. In rialzo negli ultimi giorni il tasso di positività: ieri ha toccato il 3,16%, leggermente meglio del 3,29% di venerdì. Ma, in questo caso, si deve considerare la risalita del numero di tamponi, 789 contro i 607 del giorno prima. Comunque, questa settimana, con un altro giorno a disposizione, è portata ad avere più test effettuati (3.698 per ora, ma nelle ultime domeniche si è oscillato sui 500) rispetto alla precedente (3.855). Si alza il dato di luglio, 182 casi a una media di 7,58 al giorno. Il mese scorso erano 6,3, mentre luglio 2020 si era chiuso a 0,36. Il valore è simile a quello di settembre 2020 che ne ha avuti 7,43, ancora lontani dalla seconda ondata che si sarebbe manifestata a partire da ottobre, con una media giornaliera di 113,80 casi. A luglio, non si hanno decessi per Covid.

La giornata
Il nuovo bollettino presenta 25 positivi, 6 negativizzati e nessun morto. I casi si sono avuti a Frosinone con 7, poi a Strangolagalli con 4, Ferentino e Cervaro con 3, Alatri e Roccasecca con 2, Cassino, Pontecorvo, Atina e Supino con 1. Finora, a luglio, nel capoluogo si hanno 28 casi (a giugno erano stati 19) di cui 22 negli ultimi quattro giorni, a seguire Ferentino con 18 casi (9 in quattro giorni), Sora con 11, Cassino e Strangolagalli con 7, Casalattico, Ceccano e Boville Ernica con 6 e Atina, Monte San Giovanni Campano, Roccasecca e San Donato Val di Comino con 5.
L'Asl di Frosinone ha riconvertito Anagni e Atina in punti di somministrazione del vaccino Moderna. «Sono 4 i punti di somministrazione delle prime dosi del vaccino Moderna nei quattro distretti - informa l'Asl - presidio sanitario di Anagni, casa della salute di Atina, Spaziani di Frosinone e hub Stellantis a Piedimonte San Germano».

«Siamo molto prossimi all'obiettivo di raggiungere l'immunità di comunità, ma proprio perché siamo nell'ultimo tratto del percorso, quando siamo vicini alla meta, c'è bisogno di un sforzo ulteriore, forse maggiore di quello fatto finora - informa l'Asl in una nota - Nelle ultime settimane, infatti, sono aumentati i casi di positività di interi nuclei familiari. Alcuni sono no vax, ma più della metà sono riconducibili a festicciole tra adolescenti e diversi appartengono anche allo stesso nucleo familiare. I dati mostrano una buona copertura per tutte le altre fasce di età. Proprio per questo, dobbiamo spingere alla vaccinazione l'altra metà dei giovani affinché non siano loro i vettori del virus per tutti gli altri. Finché non siamo tutti vaccinati, il virus trova sempre dove accomodarsi e girare e viaggiare fra tutti. Proteggiamoci».