Lavori di recupero e valorizzazione del centro storico con la realizzazione di alloggi a canone sostenibile: emergono portali e alcuni elementi architettonici antichi in pietra nascosti da intonaci. L'importante cantiere consentirà di risistemare vecchi edifici, in alcuni casi pericolanti, oltre ad assicurare la ricostruzione di antiche componenti che segnano la storia della città. Un lavoro certosino, fatto con attenzione e seguito da esperti del settore che non stanno trascurando alcun dettaglio.

I lavori proseguono al centro storico come da cronoprogramma, si recuperano gli elementi originari e le demolizioni sono condotte con attenzioni per motivi di sicurezza e per la tutela dei beni di valore. Stanno emergendo portali ed elementi architettonici antichi in pietra, celati da intonaci.

Il lavoro procede in totale accordo con i funzionari della Soprintendenza, nel rispetto dei valori di un patrimonio culturale e dei necessari adeguamenti funzionali e tecnologici, e secondo le autorizzazioni del Genio civile per quanto riguarda gli aspetti strutturali.
L'operazione non si esaurisce però con l'attività di cantiere. Infatti è stato siglato un protocollo d'intesa fra il Comune e la Scuola di specializzazione in restauro della Università degli studi Federico II di Napoli che consentirà di attivare studi sul patrimonio storico di Ceprano a partire da questa esperienza individuata come best practice a livello internazionale di recupero di edifici in un centro storico.

Dunque, da un complesso lavoro di recupero e valorizzazione si sta promuovendo anche un'attività seria di studio del patrimonio storico, utile a valorizzare l'intero antico quartiere della città che vanta edifici ed interni caratteristici corredati da elementi architettonici interessanti. Da un centro storico nel degrado e pericolante sta piano piano rinascendo un'area intrisa di storia, arte e valori di interesse, oltre che un nuovo quartiere da vivere e rilanciare.