Sarà la Società sportiva Atletico Fiuggi a prendersi cura dell'impianto sportivo di Capo i Prati anche per il prossimo anno. Questo all'esito della procedura di gara promossa dal Comune che si è chiusa pochi giorni fa. Quattro le società che avevano preso parte alla manifestazione d'interesse: tre hanno rinunciato al momento della proposta economica lasciando di fatto in gara la sola Società Sportiva Atletico Fiuggi che già milita con i colori della città termale nel campionato di serie D.

Il bando di gara prevedeva anche la possibilità di eseguire una serie di lavori di completamento e ristrutturazione delle aree adiacenti lo stadio, compresa la copertura della piscina olimpionica, utilizzando anche le misure economiche in vigore (Ecobonus 110%). Il tutto per diverse centinaia di migliaia di euro. Questo nelle more del project financing che vede la stessa Società Atletico Fiuggi nelle vesti di proponente con alle spalle la Gabetti Calcio.

Un iter, quello del project financing, per cui il Comune, come da prassi, ha chiesto nei giorni scorsi le garanzie economiche necessarie alla copertura dei circa 10 milioni d'investimenti previsti. Al netto di ogni considerazione tecnica, a occuparsi degli impianti per i prossimi mesi è una società che continua a credere e investire su Fiuggi, che ha ridato lustro al Centro sportivo di Capo i Prati con una serie di lavori di restauro, che continuerà a militare nel campionato di Serie D con i colori di Fiuggi e pare intenzionata anche ad ampliare il settore giovanile.

Non ultima la possibilità di fruire di un asset strategico per gli operatori economici interessati a flussi turistici legati allo sport, affrancando il Comune nel caso in cui la gara fosse andata deserta, di costi di gestione stimati intorno ai 60/70 mila euro l'anno, senza personale e con risultati, visti i precedenti, su cui è meglio sorvolare.