Ruba la bandiera dell'Italia ad un bambino e il padre del piccolo gli sferra un calcio, rompendogli la gamba.
Brutto episodio a Nettuno, proprio mentre l'intera città è scesa in strada per celebrare la vittoria dell'Italia agli Europei, dopo la partita contro l'Inghilterra, sconfitta ai rigori poco prima a Wembley.

I fatti sono avvenuti nella centralissima piazza Mazzini, dove tanti pedoni e auto stavano sfilando e festeggiando. Tra i veicoli che circolavano ce n'era uno in particolare, dove un bambino stava sventolando la bandiera dell'Italia fuori dal finestrino.
Poco dopo, il piccolo ha iniziato a piangere, perché un ragazzo in strada - un 17enne - gli aveva sottratto la bandiera.

Una volta visto il figlio in lacrime, l'uomo - di circa 40 anni - è sceso dall'auto, ha dato un calcio al 17enne, per poi riprendersi la bandiera e andarsene.
L'uomo probabilmente non voleva ferire il 17enne, ma le cose non sono andate così: il ragazzo, infatti, ha riportato la frattura del perone ed è stato costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso in ospedale, con una prognosi di 30 giorni.

Sul caso stanno indagando i carabinieri, alla ricerca dell'autore dell'aggressione.
Poche le informazioni sull'uomo, dato che lo stesso 17enne non è stato in grado di dare informazioni sull'auto su cui il 40enne circolava, tantomeno sull'aggressore stesso.

Ad ogni modo, secondo quanto dichiarato dal 17enne agli investigatori, anche lui si sarebbe accorto che il 40enne non è sceso con l'intenzione di volerlo ferire: a quanto pare si è trattato di una reazione - sicuramente esagerata e violenta - al gesto che il ragazzo ha compiuto poco prima, in un momento che sarebbe dovuto essere di festa per tutti.