In data odierna, all'esito di un'articolata indagine di polizia giudiziaria coordinata dalla Procura della Repubblica di Frosinone, i Finanzieri del Gruppo di Frosinone hanno sottoposto a misura cautelare personale 2 donne di origine rom, appartenenti allo stesso nucleo familiare, responsabili del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso delle stesse indagini, eseguite anche con l'ausilio di intercettazioni telefoniche e apparecchiature atte alla video ripresa, già nel mese di febbraio scorso le Fiamme Gialle ciociare, nel cortile antistante l'abitazione dei soggetti investigati, adibita a "piazza di spaccio", ubicata tra Frosinone e Ceccano, avevano tratto in arresto, in flagranza di reato, una donna trovata in possesso di 1 bilancino di precisione e 58 grammi circa di cocaina, utilizzata per preparare circa 200 singole dosi.

Nello stesso contesto operativo, inoltre, si procedeva alla denuncia a piede libero di altri 3 indagati, tutti appartenenti al medesimo nucleo familiare, anch'essi per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti.
La prosecuzione indagini ha consentito di ottenere ulteriori elementi probatori sulle responsabilità degli indagati e di definire, in maniera ancora più netta, i ruoli rivestiti dai diversi componenti del nucleo familiare nell'ambito dello spaccio.

Al termine delle investigazioni, in esecuzione di un'ordinanza emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, in accoglimento di analoga richiesta formulata dal Sost. Proc. Dott. Samuel Amari della locale Procura della Repubblica, le Fiamme Gialle di Frosinone hanno sottoposto a misura cautelare personale le due donne pluripregiudicate (D.P.I.
di anni 49 e D.S.S. di anni 22) – di cui una in carcere e l'altra agli arresti domiciliari.