La città di Ferentino è al lavoro per il decollo in ambito turistico. Per Archeoclub d'Italia la "Rinascenza" post Covid (concetto caro al sodalizio) è già in atto e dal Press Tour recente sono emerse novità clamorose, che fanno ben sperare. In occasione dell'assemblea ultima di Archeoclub Ferentino, per l'approvazione del consuntivo 2020 e preventivo 2021 e del nuovo organigramma, il presidente Antonio Ribezzo ha annunciato ai soci importanti novità: «permettetemi un rapido excursus dell'ultimo evento, il Press Tour del 30 maggio».

E lo spiega. «È stato il primo atto di un percorso comunicativo per la conoscenza e divulgazione dei siti archeologici e monumentali di Ferentino. Un evento originale nel suo genere, voluto anche dalla nostra dirigenza nazionale, un vero colpo per la promozione della nostra città. Mai era stato realizzato nulla del genere. La contemporanea presenza a Ferentino di 29 giornalisti della stampa italiana ed estera, tre agenzie di stampa (Efe spagnola, France Press e Ansa) e ben 7 tv, hanno dato vita a un percorso cui dare seguito».

«Sempre a maggio - poi ricorda - abbiamo avuto l'onore di ospitare il tg2 Rai "storie e cultura" con due splendidi servizi sulla città. Fra i tanti, quello che deve fare riflettere è quello di Alghad Canale tv della Gran Bretagna diffuso in lingua araba, il quale ha avuto un'audience potenziale di 2 miliardi di persone nel mondo arabo. Se solo venissero a visitare Ferentino la milionesima parte di essi, dovremmo preparaci ad ospitarne diverse migliaia ogni anno». El Pais ha titolato: "La Ferentino millenaria un gioiello che cerca di risorgere col turismo". La ricetta di Archeoclub d'Italia: pensare a una buona accoglienza migliorando le infrastrutture ricettive.