Erano iniziati ad aprile i lavori di pulizia lungo il tratto cittadino del fiume Liri. I sorani avevano visto di buon grado la scelta di ripulire gli argini dalla fitta vegetazione cresciuta spontaneamente. Il mezzo utilizzato, però, ha lavorato per pochi giorni e poi è andato via. Dopo anni di lamentele perché mancava il decoro, la pulizia e il colpo d'occhio in quei primi giorni di lavoro fu decisamente gradevole. I cittadini con curiosità e spirito critico, seguirono i primi interventi che interessarono il tratto di Pontrinio. Ma l'operaio addetto andò via, senza ultimare l'opera.

Di queste settimane le lamentele di chi si aspettava una pulizia più capillare, come era stato anche annunciato dal sindaco Roberto De Donatis. «I lavori riguarderanno tutto il tratto urbano del fiume, quello compreso tra il ponte del Divino Amore a Pontrinio e quello di Vaughan, nella zona di Madonna della Neve - aveva detto De Donatis -. Si tratta di un'operazione che si svolge periodicamente ed è di competenza della Regione».

Tornando ai fatti odierni, i cittadini hanno espresso forte disappunto per lo stop dei lavori iniziati due mesi fa, che portano la firma dell'Autorità di Bacino distrettuale dell'Appennino Meridionale. La causa del fermo è legata alla portata d'acqua del Liri: il mezzo tornerà quando il livello del fiume sarà più basso, perché ad aprile non si è riusciti a proseguire i lavori.