Fece scalpore diversi anni fa il ritrovamento di una cinquantina di tombe in arte povera, di epoca romana, a Ferentino. Affiorarono durante gli scavi per la realizzazione del parcheggio San Nicola e in alcune delle urne a pozzetto, o tombe alla cappuccina, vennero rinvenuti degli scheletri, qualcuno incredibilmente intatto e ben conservato, di adulti e bambini, risalenti molto probabilmente tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C.
Il datato sepolcreto si estende ai piedi delle millenarie mura ciclopiche, sotto via Pio IX che collega le antiche Porta Sant'Agata e Porta Sanguinaria.

Lo stesso clamore e silenzio assordante è seguito negli anni e a tutt'oggi. In sostanza giace ancora nell'oblio la necropoli romana, ancora inaccessibile. Nessuna spiegazione sulla mancata ultimazione della valorizzazione dell'area archeologica.
Eppure il Comune era in possesso di uno studio di fattibilità dell'importo complessivo di 684.000 euro approvato dalla vecchia giunta municipale.
L'intervento era inserito nel triennale dei lavori pubblici, approvato dal consiglio comunale contestualmente al bilancio 2014, annualità 2015.

Molto probabilmente la presenza nei pressi della necropoli del tratto di mura poligonali balzato all'attenzione nazionale dopo le riprese della Rai, cioè quella parte di mura deturpate dalla miriade di scarichi fognari e balconcini, probabilmente spinge gli amministratori a tenere "nascosto" anche il piccolo cimitero romano che, se così fosse, sarà destinato a rimanere nell'oblio a vita. Semmai andrebbero valorizzate quelle tombe particolari, una accanto all'altra sul terrapieno che affaccia sul parking San Nicola. È pur vero che il Comune di sua iniziativa non può intervenire, ma potrebbe fare pressing sulle Soprintendenze competenti. Naturalmente quella parte della città non è stata visitata dagli ospiti nel recente Press tour di Archeoclub d'Italia.

In realtà, la stampa nazionale ed estera non avrebbe ricavato una buona impressione al cospetto della storia oltraggiata dai discendenti della vergogna noti in tutta Italia.