Il rione Sant'Agata si rifà il look ed era ora. Un punto importante di Ferentino. Particolarmente movimentata e attraversata ogni giorno da centinaia di veicoli e pullman la zona, di conseguenza fa bene il Comune ad intervenire in quella parte della città per abbellirla e per illuminarla a dovere con il calar del buio, anche per ragioni di sicurezza.

In questi giorni la ditta "Cataldi Giovanni & figli" dà vita ai lavori coordinati dall'architetto Paolo Culla direttore di essi. L'intervento sta interessando il primo angolo del quartiere, successivamente si passerà alla piazza di Sant'Agata da abbellire anch'essa necessariamente.

Il Largo Sant'Agata, quello interessato attualmente dall'intervento, sarà dotato di nuova pavimentazione in selciato, lampioni a tema, alberelli e panchine.
Assumerà sicuramente un altro aspetto la zona di Sant'Agata, ancor più quando sarà rinnovata la piazza che ostenta a tutt'oggi un unico palo-lanterna al centro dello spiazzo, orrendo e assai datato, da eliminare quanto prima.

Altri cantieri sono pronti per l'apertura, tra cui quello della rotatoria stradale all'ingresso nord sulla Casilina, il parcheggio in via Consolare e altri. Tuttavia attualmente c'è anche da risolvere l'imprevisto di via Consolare alta, in considerazione dell'importanza della strada e di tutti i disagi che sta causando la chiusura di essa, dopo l'ingresso a porta Montana.

Il crollo del tetto di un vecchio immobile tra via Consolare e via Novana, dichiarato instabile dai vigili del fuoco, ha richiesto il divieto alla circolazione automobilistica e pedonale in quel tratto di strada per motivi di sicurezza. Per cui i maggiori problemi attanagliano i residenti, ma non soltanto, dal momento che si tratta di uno degli ingressi principali, insieme a viale Guglielmo Marconi, al centro storico. L'augurio è che al più presto venga messa in sicurezza la casa pericolante e venga riaperta la via alla circolazione.