Si sono visti in pandemia ogni giorno ma anche ora che si torna alla normalità c'è un gruppo che continua a lavorare nel silenzio. Sono gli "angeli invisibili" della protezione civile che continuano a portare sostegno a chi non ha ancora smaltito gli strascichi nefasti della pandemia. Tante, troppe le famiglie in grande affanno.
E la Protezione civile di Pontecorvo è in prima linea per la consegna dei beni di prima necessità. Nel corso degli ultimi giorni sono state molte le consegne effettuate. Un impegno continuo e costante.

Per questo motivo il sindaco Anselmo Rotondo ha voluto portare a emersione questo impegno silenzioso e voluto rivolgere un sincero ringraziamento a tutti i volontari. Pubblicamente.
«La Protezione Civile ha eseguito il servizio di consegna dei beni di prima necessità in base alla lista dei servizi sociali - ha affermato il primo cittadino Anselmo Rotondo - C'è stato anche il controllo del territorio per la campagna antincendio boschivo.
A loro, a tutti i volontari della protezione civile di Pontecorvo coordinati da Catia Prata, rivolgo, unitamente alla delegata Katiuscia Mulattieri, un grazie sincero. Lo spirito di servizio per la comunità è vivo e pieno d'entusiasmo».

Un'azione di assistenza costante che si unisce anche all'erogazione dei voucher che il Comune di Pontecorvo ha messo in atto nel corso degli ultimi mesi al fine di aiutare le persone che, anche a causa della pandemia, si trovano in una situazione di assoluta difficoltà economica.

Ed è proprio degli ultimi giorni la notizia dell'ottenimento, da parte dell'amministrazione, di un apposito finanziamento che consentirà di erogare nuovi buoni spesa. A breve dovrebbero essere determinate le linee guida che consentiranno di pubblicare il bando con cui le persone in difficoltà potranno fare richiesta per accedere agli aiuti. Voucher che, come negli altri casi, potranno essere utilizzati per l'acquisto di beni di prima necessità.