«Fiuggi è uno dei brand più noti in Europa ed ha veramente bisogno di un momento di rilancio e questa disgrazia del Covid è il momento per resettare tutto il termalismo italiano, che sta crescendo a passi da gigante. Fiuggi può essere uno dei perni del sistema termale italiano come lo è stata nei decenni scorsi».
Questo il ragionamento di Massimo Caputi venerdì scorso nella Fonte Bonifacio VIII, partecipando ai lavori del Forum "Ritorno al Futuro il Mondo che Verrà".

Un evento fortemente voluto dall'amministrazione comunale di Fiuggi e coordinato dal suo assessore al turismo Simona Girolami in sinergia con Guido D'Amico componente de Cda di ATF e della Camera di Commercio del basso Lazio e da una straordinaria Virginia Saba, raggiunta a Fiuggi sabato scorso dal suo fidanzato Luigi Di Maio ministro degli Esteri.
Un week end, il loro, all'insegna del relax nel meraviglioso centro benessere dell'Hotel Silva Splendid, verso il quale i due hanno usato parole di miele così come su Fiuggi, definita da entrambi «una città di straordinario fascino». Con la certezza che presto torneranno, anche perché a luglio Virginia Saba tornerà ad occuparsi insieme a Simona Girolami e Guido D'Amico del secondo evento dei quattro previsti, che porteranno a Fiuggi altri esponenti del governo italiano e non solo.

All'amministrazione guidata dal Alioska Baccarini il grande merito di aver riacceso i riflettori su Fiuggi da parte della politica che conta e di una visibilità mediatica che pareva dimenticata. Un trionfo. Avere i principali Tg nazionali che raccontano eventi in corso di svolgimento a Fiuggi, con il solo Tg1 che ha fatto registrare quel giorno 7 milioni di telespettatori è stato indubbiamente un successo. Così come l'intelligente lavoro diplomatico e gli eccellenti rapporti che l'amministrazione comunale è riuscita a stabilire con la Regione Lazio, dove tantissimo pesa il lavoro della fiuggina Sara Battisti presidente della commissione affari istituzionali.

Tutto questo adesso va messo a frutto per arrivare a quanto dichiarato da Massimo Caputi, perché Fiuggi può e deve diventare uno dei perni del sistema termale italiano. Di questo ne siamo tutti fermamente convinti.