Camionista morto carbonizzato nel camion che guidava venerdì mattina sull'autostrada A12 fra Tarquinia e Civitavecchia Porto: sequestrati l'autocarro e il rimorchio per effettuare tutti gli accertamenti per chiarire la dinamica dell'incidente. Incidente in cui ha perso la vita Giuseppe Maggi, 55 anni,di Ferentino. Oggi saràeffettuata l'autopsia sul corpo del ferentinate. Intanto la coniuge dell'uomo si è affidata all'avvocato Alfredo Frasca, mentre il ventinovenne, titolaredella dittadi legname, percui dacirca unasettimana lavorava Maggi, è difeso dall'avvocato Antonio Ceccani. Il giovane è indagato di omicidio stradale, come atto dovuto. Intanto le indagini vanno avanti.

I tecnici dello Spresal, servizio prevenzione e sicurezza ambienti lavoro, ieri sono tornati nella sede operativa della società per verificare tutte le varie prescrizioni.
Già venerdì ci sono stati i sequestri dei documenti da parte della polizia stradale. L'incidente si è verificato proprio venerdì mattina all'altezza del km 63,700. Il mezzo pesante condotto dal ferentinate, stando a una prima ricostruzione dei fatti, in viaggio in direzione Roma, probabilmente a causa dello scoppio di uno pneumatico, si è ribaltato occupando la carreggiata opposta.

La motrice ha sbandato finendo contro il guard-rail mentre il carico di legna è andato perso su entrambe le carreggiate. Maggi è rimasto incastrato nella cabina quando la stessa si è incendiata. È stato necessario l'utilizzo del gruppo da taglio dei pompieri per estrarre il corpo carbonizzato dell'uomo dallacabina del mezzo.
Sul luogo dell'evento sono intervenuti i soccorsi sanitari e meccanici, i vigili del fuoco, le pattuglie della Polizia Stradale ed il personale della Direzione 5° Tronco di Fiano Romano di Autostrade per l'Italia.