Si è riunita martedì la Commissione Commercio presieduta da Marco Mizzoni e composta da Giancarlo Santucci e Diego Bruni per la maggioranza; da Andrea Querqui ed Emiliano Di Pofi per l'opposizione. Si è giunti alla fase conclusiva delle misure di sostegno per le nuove attività nel centro storico, fortemente volute dall'Amministrazione Caligiore e presenti già nelle sue linee programmatiche.

«Sarà un provvedimento estensibile in futuro alle aree più decentrate - spiega il presidente Mizzoni - a prescindere dal tipo di attività commerciale. Abbiamo previsto una riduzione del 40% sulla Tari per le nuove attività, da codificare in un apposito regolamento. Quando gli uffici avranno preparato il tutto, l'ultimo passaggio sarà in Consiglio comunale. Inoltre, come presidente ho ritenuto di informare la mia Commissione sul decreto attuativo approvato nella conferenza Stato-Città del 10 giugno scorso, che ripartisce 600 milioni di euro agli sconti Tari dei Comuni. I fondi servono a finanziare le riduzioni tariffarie per le utenze non domestiche, colpite dai provvedimenti di chiusura. La pandemia ha messo in ginocchio molte attività, quindi notizie come questa possono essere utili per dare l'input alla ripartenza».

Alle parole di Mizzoni , seguono quelle di Diego Bruni: «Da vicepresidente non posso essere che soddisfatto del lavoro che stiamo portando avanti in questi mesi. Le proposte discusse in Commissione e approvate in Consiglio rappresentano la bontà di quanto stiamo facendo a favore del commercio e che porterà sgravi utili a superare questo anno e mezzo. Le proposte sono concrete e la Commissione continua a sostenerle».

Anche il consigliere Santucci esprime la sua soddisfazione: «Sono molto soddisfatto per questa nuova misura. Fin dalla campagna elettorale ho spinto molto su questo punto. Era l'impegno dell'amministrazione affinché il centro storico e tutte le attività commerciali potessero avere più spazio di manovra. La pandemia e la crisi che attanaglia le nostre aziende da oltre venti anni hanno creato seri problemi. Spero che questa iniziativa possa favorire l'apertura di nuove attività e dare respiro alle imprese».