Arrestato per maltrattamenti in famiglia. Una storia di violenza andata avanti per molto tempo. Ieri il culmine. L'intervento dei poliziotti ha scongiurato conseguenze peggiori per la vittima.

I fatti
Nella giornata di ieri, le Volanti della Questura di Frosinone, a seguito di una segnalazione giunta al 113, hanno arrestato un uomo per il reato di maltrattamenti in famiglia. A richiedere l'intervento è stata la madre che da tempo subiva maltrattamenti, atti persecutori e minacce sia fisiche che psicologiche, per le quali il figlio era già stato più volte arrestato e successivamente colpito dalla misura del divieto di dimora nel comune di Frosinone.

Nella giornata di ieri, al culmine dell'ennesima lite scaturita dalla richiesta dell'uomo di una somma di danaro, verosimilmente destinata all'acquisto di sostanze stupefacenti, al rifiuto della madre ha dato in escandescenze danneggiando l'abitazione.

Gli agenti delle Volanti sono giunti tempestivamente sul posto e hanno trovato l'aggressore in evidente stato di agitazione, riuscendo a bloccarlo solo al termine di un'impegnativa attività di contenimento della violenta reazione che ha richiesto il ricorso alle cure mediche da parte di quattro poliziotti rimasti contusi.

La vittima ha riferito che le continue vessazioni subite in questi anni, costituite da gravi e frequenti insulti, minacce, violenze fisiche e umiliazioni, le hanno reso la vita un vero e proprio calvario e hanno ingenerato nella stessa un fondato timore per la propria incolumità. L'uomo è stato tratto in arresto e condotto in carcere.