Cinque rinvii a giudizio, nove proscioglimenti e assoluzioni, una condanna e un patteggiamento.
Si è chiusa ieri mattina, in tribunale a Frosinone, l'udienza preliminare che vede sotto accusa sedici persone nell'ambito dell'inchieste, condotte dai carabinieri forestali, denominati in codice "Urban waste" e "Abbacchiopoli" con al centro le società Tac Ecologica e Biemme srl.

Il processo inizierà il 2 novembre. Il gup Antonello Bracaglia Morante ha fatto cadere importanti pezzi: proscioglimento di tutti gli imputati per la vicenda Abbacchiopoli relativa ai lavori di efficientamento della scuola Bottini di Piglio, per quella dell'Apecar, per il capitolo riguardante Anagni. Proscioglimento perché il fatto non sussiste per i sindaci di Sgurgola Antonio Corsi e di Anagni Daniele Natalia.

Resta in piedi, invece, una buona parte dell'in chiesta riguardante la Tac Ecologica a Sgurgola come quella per l'appalto delle pulizie del verde all'Asl di Frosinone, per il quale, previa riqualificazione del reato, è stato condannato a un anno e quattro mesi un ex dipendente.
...Continua...

DA NON PERDERE!

Tutti gli approfondimenti su questo argomento sono disponibili nell'edizione odierna, in edicola o nella versione digitale di Ciociaria Oggi.

EDICOLA DIGITALE: Approfitta dell'offerta, un mese a soli € 0.99