Un gesto estremo, di cui non si conoscono ancora le motivazioni, che ha scosso tutta la città, intorno alle 10 di ieri mattina, rompendo di colpo la consueta tranquillità del sabato. C.M., commerciante sessantanovenne della parte bassa di Ceccano, si è tolto la vita lasciandosi cadere sotto un treno in transito sui binari della stazione ferroviaria. Il conducente del convoglio non ha potuto in alcun modo evitare l'impatto, risultato fatale per l'uomo. Secondo le prime ricostruzioni, il sessantanovenne si sarebbe lanciato sotto il treno in arrivo.

La notizia ha sconvolto i passeggeri presenti alla stazione e gli abitanti del luogo, oltre ai clienti del mercato settimanale delle verdure che si svolge nel piazzale dello scalo. Tutta la zona è stata prontamente interdetta per provare a prestare i soccorsi a C.M. Sono intervenuti sul posto un'automedica ed è stata anche chiamata un'eliambulanza. I sanitari, però, giunti tempestivamente sul luogo, hanno soltanto potuto prendere atto del decesso dell'uomo, morto sul colpo a causa del violento l'impatto con la motrice. L'intervento dell'Ares 118, purtroppo, non ha potuto nulla.

Il convoglio, diretto a Cassino e partito da Roma alle 9,07 è stato fermato per i rilievi sul corpo della vittima. Anche il traffico ferroviario sulla tratta è stato interrotto subito, bloccando la linea per diverse ore. Ritardi e disagi sulla tratta si sono accumulati durante la giornata, fino all'ora di pranzo circa, quando la situazione è andata migliorando. Durante l'interruzione della linea Roma-Cassino sono stati attivati autobus sostitutivi per smaltire parte dei disagi causati dal blocco dei treni.

La normale circolazione sulla tratta è stata ripristinata e nelle ore del primissimo pomeriggio si erano sostanzialmente smaltiti i ritardi accumulati.
Messaggi di cordoglio per la morte del commerciante sessantanovenne si sono rincorsi sui social. In ricordo dell'uomo, molto conosciuto in città, i tanti amici e conoscenti hanno espresso il loro profondo dolore per una morte così inattesa e tragica.