Premiazione della sesta edizione delle Olimpiadi di Disegno Tecnico, questa si è svolta nella palestra della primaria "Felice Cataldi". Tredici gli istituti Comprensivi che hanno aderito: I.C. Danti, I.C. Frosinone 3, IC Anagni 2, Alatri 2, IC Ripi-Torrice, I.C. Fiuggi ,I.C. Ferentino 1 (Fumone), I.C. Castro dei Volsci, I.C. Amaseno (Giuliano di Roma), I.C. Supino, I.C. Boville, I.C. Cassino 1, I.C. Pontecorvo 1 - con 935 studenti partecipanti delle scuola secondaria di primo grado. La competizione è organizzata, ormai da diversi anni, dal prof. Fabio Macchia, insegnante di Tecnologia presso l' "Egnazio Danti" di Alatri.

Tutti gli studenti si sono contraddistinti per lo spirito di iniziativa, per motivazione, per la volontà di mettersi in discussione tra pari ed alcuni, in particolare si sono distinti per la perfezione con cui hanno realizzato il compito assegnato. Il primo posto se lo è aggiudicato la studentessa Giulia Campasso mentre il terzo posto Lorenzo Frioni, entrambi dell'Istituto "Danti", il secondo posto va allo studente Davide Giannichedda dell'Istituto "Pontecorvo 1". Le Olimpiadi hanno previsto tre prove ad eliminazione diretta che hanno individuato gli 84 studenti finalisti.

Le finali, in questo anno scolastico per la situazione epidemiologica, si sono svolte nelle singole scuole in sicurezza e nel rispetto delle norme anti-Covid. La prova della finale ha riguardato il disegno di più figure geometriche inscritte in una circonferenza e dato il lato: "disegna un ottagono inscritto in una circonferenza di raggio R=3,7 cm. Nomina i vertici dalla A alla H e disegna: Sul lato AB un Pentagono; sul lato CD un Triangolo equilatero; sul lato EF un Ottagono e sul lato GH un Esagono". La cerimonia di premiazione, alla presenza dell'ideatore dell'iniziativa, prof. Fabio Macchia, della dirigente scolastica, dei docenti degli istituti coinvolti nel progetto, dei genitori degli studenti premiati, ha visto la partecipazione dei primi 10 studenti classificati insieme agli studenti che si sono contraddistinti per ogni istituto comprensivo.

«Contrariamente a quanto si afferma in alcune trasmissioni televisive o sui media, e cioè che le donne non sono portate per le discipline tecniche, le Olimpiadi del Disegno tecnico testimoniano il contrario. L'arma vincente è la motivazione, al di là di ogni questione di genere», ha sottolineato il prof. Macchia. Con i saluti della dirigente scolastica Raffaella Carrubba, si è chiusa la cerimonia di premiazione. «Il mio ringraziamento va alle scuole per la loro partecipazione e, in particolare, agli studenti per l'impegno e la voglia di cimentarsi in prove sfidanti».