Rifiuti di ogni tipo vicino ai cassonetti gialli: ultimi giorni ed andranno via. Ieri mattina nella casa comunale è stata accolta una rappresentante di cittadini che si è detta stanca della condizione che sono costretti a vivere i residenti di Viale Regina Elena.

La referente, con una documentazione fotografica, ha illustrato al primo cittadino che è in essere una raccolta firme da presentare all'ufficio igiene e salute pubblica del Distretto C della Asl di Frosinone, per interessare l'azienda sanitaria dell'indecenza che abita le strade di Sora.

L'incontro è stato proficuo perché la parte politica ha tratteggiato gli step messi in atto per la totale rimozione.
«Sono state fatte tre diffide alla ditta che gestisce il servizio legato ai cassonetti gialli ubicati in più punti della città; la terza diffida è partita pochi giorni fa».
Si è detto stanco il sindaco Roberto De Donatis di quanto sta accadendo. «Lo spettacolo è disgustoso e purtroppo non riguarda solo Viale Regine Elena.
Entro sette giorni se non avremo risposta verranno rimossi tutti; daremo incarico alla società Ambiente e Salute Srl di rimuoverli», ha spiegato De Donatis alla rappresentante dei cittadini che ieri si è detta fiduciosa dell'impegno del sindaco.

«Insomma se passata una settimana questi cassonetti non andranno via dalle nostre strade faremo un affidamento alla società Ambiente e Salute Srl tramite un provvedimento del dirigente o tramite un'ordinanza sindacale. I cassonetti gialli hanno le ore contate perché verranno tutti rimossi. Dopodiché addebiteremo alla ditta 1500 euro per la rimozione di ogni cassonetto e circa 100 euro al giorno per il deposito in un sito individuato ed a norma». I cittadini quindi ora si sono detti alla finestra e non consegneranno le firme alla Asl, ma scaduti i sette giorni saranno pronti con la protesta.